Contatti | info@festivalethnos.it, Telefono: 081 882 39 78 - 081 565 43 35

21 Settembre 2018

VENERDI 21 SETTEMBRE
TRECASE (NA)

Ethnos – Appuntamento con la felicità – laboratori

ore 17:00 – Bosco del Viuli Via Sesto Staibano

Laboratorio: Alla ricerca del clown in noi

a cura di Clown Mattaccino Salvatore
Ridere suscita in noi una sensazione di estremo benessere ed è gratificante riuscire a suscitare la stessa sensazione anche in quanti ci circondano. La prima immagine che associamo al ridere o a qualcuno che ci fa ridere è certamente quella del pagliaccio o clown, burlone con i suoi gesti maldestri, il suo fare da impunito e l’aria da bimbo innocente che ride delle sue stesse marachelle. Eh sì, da bimbi siamo stati tutti, spontaneamente, un po’ clown; E’ facile suscitare la risata per un bimbo la cui spontaneità non è ancora limitata, inibita dal concetto di “socialmente adeguato”. Crescendo le convenzioni sociali ci inducono a soffocare, a nascondere nel posto più invisibile del nostro io questa parte di noi.
Il laboratorio va inteso come un processo di disinibizione, cioè andare a cercare quella parte di noi che appunto abbiam represso. non dobbiamo imparare ad essere “clown” ma semplicemente riscoprire il “proprio clown”, che è già dentro ognuno di noi! bisogna solo tirarlo fuori…

Durata: 2 ore
Numero max di partecipanti: 20
Per prenotazioni: info@mattaccino.it

 

ore 18:00 – Bosco del Viuli Via Sesto Staibano

Laboratorio: In contatto con la nostra terra, alle radici della gioia. Dalla meditazione con il tamburo alla tammorra quale strumento di identità e costruzione di comunità

A cura di Marilina Manzo (Counselor Formatore e Supervisore, didatta di tecniche espressive ) e Raffaella Tirelli ( Storica, con ventennale esperienza nell’uso della tammorra e Counselor in Formazione)

Il tamburo è proposto come strumento di consapevolezza del sé corporeo, attraverso le sue vibrazioni ci rimetteremo in contatto con il nostro respiro, con il battito del cuore, in ascolto consapevole del nostro corpo, entreremo in una meditazione per madre terra e daremo voce alle sensazioni ed emozioni che emergeranno durante l’esperienza.
Vedremo poi l’uso della Tammorra come testimone della nostre radici e, in integrazione con il Counseling, sperimenteremo la grande valenza del suo suono sia a livello di benefici personali che di creazione di relazioni e comunità.

Si consiglia l’utilizzo di abbigliamento comodo e di portare con sé un tappetino e una copertina.
L’incontro è GRATUITO, ma è rigorosamente richiesta la prenotazione e puntualità.

Per Prenotazioni: info@sipgicampania.it oppure un whatsapp al 348 7502664

 

Ethnos ospita Arsene Duevi ft. Giovanni Falzone in concerto

(Togo/Italia)
Piazza San Gennaro
ore 20.30

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Arsene Duevi


In Africa, lungo la Route Internationale N° 2, che attraversa la Costa d’Avorio, il Ghana, il Togo e il Benin fino alla Nigeria, esistono paesini dai nomi “particolari”: Agbedrafo, cioè “La vita è veramente difficile”, Agbetiko, “la vita è noiosa e pesantissima”, Kunyòwu “è meglio la morte” e Elavanyo, “C’è speranza”.
Trae spunto da questo percorso geografico ed esistenziale “Hayà – Inno alla Vita” il nuovo lavoro di Arsène Duevi, cantante, polistrumentista e sciamano musicale che seduce con le sue sonorità che mescolano Africa e Mediterraneo, jazz e world music, cantautorato e improvvisazione. Egli intende la Vita come percorso, non sempre facile, ma che si apre alla speranza: la speranza delle voci di chi attraversa il Mediterraneo, in cerca di un nuovo orizzonte sembrano risuonare nelle parole di Arsène: “Quando in fondo non sembra esserci più nulla, c’è ancora speranza”.

Mappa evento

 

sponsor-completo-home