Contatti | info@festivalethnos.it, Telefono: 329 9126 146

27 Settembre 2020

Per cause di forza maggiore il concerto è stato annullato e rinviato a data da destinarsi

DOMENICA 27 SETTEMBRE
ERCOLANO

MAV – Museo Archeologico Virtuale ,
via IV Novembre, 44
ore 20.30

Concerto di Bab’L Bluz

Bab L’Bluz nasce dall’incontro tra Yousra Mansour e Brice Bottin e dal loro sogno di portare il Guembri, la chitarra Gnawa, sulla scena musicale contemporanea, confermando che questo strumento, nato in Africa, è all’origine del Blues.   Bab L’Bluz è un omaggio alle inesauribili radici della cultura Gnawa, risolutamente anni ’70. La loro musica innovativa mescola tradizione musicale e ritmi più attuali, musica chaabi e hassani,  funky, rock e blues, stili provenienti da diversi continenti  che si incontrano per diffondere attraverso il  canto,  un messaggio di  pace, di uguaglianza e  di amore, in tutti gli angoli del mondo. Il gruppo è composto da musicisti che, hanno viaggiato stabilendo al contempo uno stato d’animo e uno stile decisamente moderno, aperto alla world music. Bab L’Bluz si è ispirato anche alla musica Hasanniya o alla musica tradizionale moresca, presente in Mauritania e in alcuni paesi vicini, in particolare nel sud del Marocco. Si caratterizza soprattutto per la sua poesia nota come Tebraa, cantata dalla donne nel Sahara occidentale e nel sud del Marocco, adagiato sugli stilemi del tarab al hassani, il cosiddetto blues della Mauritania. L’album Nayda, segna il debutto del quartetto marocchino – francese. 

Yousra Mansour: voce awisha, percussioni e guembri
Brice Bottin: guembri, chitarra, percussioni e cori
Hafid Zouaoui: batteria e cori
Jérôme Bartolome: flauto, percussioni e cori

 


Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
Ricordiamo che negli spazi del MAV è previsto il distanziamento interpersonale per i posti a sedere. Si ricorda inoltre che è obbligatoria la mascherina per l’ingresso e l’uscita.


 

MAV – Museo Archeologico Virtuale

A pochi passi dagli scavi archeologici dell’antica Herculaneum sorge il MAV, un centro di cultura e di tecnologia applicata ai Beni Culturali e alla comunicazione, tra i più all’avanguardia in Italia.

Al suo interno si trova uno spazio museale unico e straordinario: un percorso virtuale e interattivo dove vivere l’emozione di un sorprendente viaggio a ritroso nel tempo fino a un attimo prima che l’eruzione pliniana del 79 d.C. distruggesse le città romane di Pompei ed Ercolano.
Oltre settanta installazioni multimediali permettono al turista di comprendere al meglio le principali aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Baia, Stabia e Capri.

 

 

 

Mappa concerto