Skip to content Skip to footer

 

MARTEDI 12 SETTEMBRE NAPOLI

Chiesa di Santa Maria Donnalbina,
Vico Portapiccola Donnalbina, 6
ore 21.00
€ 10

Concerto di Kayhan Kalhor, Kiya Tabassian e Behnam Samani in “Songs of Hope”

(Iran)

Questo concerto è un grido di speranza e di libertà ispirato a una delle civiltà più affascinanti del mondo, l’Iran. Un concerto interamente composto da nuove opere per strumenti persiani ed offre una visione luminosa dell’Iran e invita il pubblico nel cuore di una ricca storia musicale e poetica di diversi millenni. Un inno alla ricchezza e alla bellezza di questa cultura, Songs of Hope presenta musicisti virtuosi, portatori delle sue tradizioni. Il sublime maestro del kamancheh Kayhan Kalhor dialoga con Kiya Tabassian al setar e Behnam Samani al tombak.

Formazione:
Kayhan Kalhor: kamancheh
Kiva Tabassian: setar
Behnam Samani: tombak

 

Biglietto acquistabile qui

 



 

 

Chiesa di Santa Maria Donnalbina

La chiesa esisteva già nel IX secolo, ma venne ricostruita nel Seicento da Bartolomeo Picchiatti e, alla fine del medesimo secolo, venne nuovamente rimaneggiata da Arcangelo Guglielmelli.

L’edificio, tra i più significativi della città, testimonia un importante esempio di arte barocca a cavallo tra il XVII ed il XVIII secolo. L’interno, con decorazioni a stucco, ha l’altare realizzato in marmi commessi; sulla controfacciata è posto un organo del 1699 ed il soffitto fu realizzato da Antonio Guidetti nel 1701 e decorato da tele di Nicola Malinconico, autore peraltro delle pitture raffiguranti i santi e di un affresco sulla controfacciata stessa. Nella seconda cappella di destra due santi di Domenico Antonio Vaccaro datati 1736; nel presbiterio e transetti affreschi e tele di Francesco Solimena.

Nel 1891 la chiesa divenne sede della confraternita dell’Immacolata del Terz’Ordine di San Francesco, dal momento che la loro piccola omonima chiesa sarebbe stata abbattuta per l’apertura di via Guglielmo Sanfelice durante il risanamento. La confraternita tra l’altro fece trasferire nella sua nuova sede il monumento funebre di Giovanni Paisiello (che era loro confratello), scolpito in stile neoclassico da Angelo Viva nel 1816 e oggi visibile a sinistra dell’ingresso.[1]

L’antico monastero e l’omonima via, ricordiamo che hanno ispirato uno dei pezzi più suggestivi del libro “Leggende napoletane”, di Matilde Serao; a proposito del luogo, l’autrice asserì:

«Più di tutti, nero, nero, quel vicolo di Donnalbina, con due ruscelli di acque sudicie, con monticelli di immondizie qua e là raccolti, e dove sparsi; nero, non solo per la sua tetraggine naturale, per la sua sporcizia, ma nero anche per l’alta muraglia del monastero di Donnalbina.»

La chiesa, chiusa dal 1972, è stata riaperta al pubblico solo di recente.

[one_third]

 

[/one_third]

 

[toggle title=”Mappa concerto”]

[/toggle]

 

 

 

[one_third]

 

[/one_third]