Contatti | info@estivalethnos.it, Telefono: 081 882 39 78 - 081 565 43 35

Watan Dabke Dance Group + Taraf de Funicular

SABATO 22 SETTEMBRE
VOLLA (NA)

Museo del Contadino, Via Luigi Einaudi
ore 20.30

Concerto di Taraf de Funicular. Spettacolo di danze del Medio Oriente con Watan Dabke Dance Group

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

 

Watan Dabke Dance Group + Taraf de Funicular

Watan Dabke Group è un gruppo internazionale di ballerini folcloristici mediorientali (Dabke). Il gruppo di base a Bruxelles fa rivivere i balli e i ritmi del Libano. Watan letteralmente significa “Patria”, non intesa come luogo geografico delimitato da linee di confine, ma come luogo e cultura a cui si è legati affettivamente dove giacciono i propri ricordi. La Dabka è una danza in segno di rispetto per la propria terra natia, diffusa nei paesi del Medio Oriente, essa rappresenta l’amore per la terra e il proprio paese e soprattutto l’unione tra le persone; esprime sentimenti di gioia e viene praticata in occasioni felici, soprattutto matrimoni, ma anche nascite e giornate di raccolta.

I Taraf de Funicular sono impavidi esploratori delle matrici del folk , i “FOLKONAUTI” collaborano dal 1999 spinti dalla curiosità verso la scoperta e lo studio di musiche appartenenti a diverse culture. Partendo dalla comune passione per la musica tradizionale irlandese (THAR BARR, IL POZZO
DI SAN PATRIZIO), l’attenzione del duo si focalizza poi sulla musica dell’Europa centro-orientale (numerosi i concerti all’interno del collettivo “LA MESCLA” in Bosnia-Croazia-Kosovo-Romania- Ungheria, Francia e Spagna), sulla musica Rom, sullo swing Manouche e, recentemente, al Choro, punto d’incontro tra la musica europea di inizio secolo e i ritmi brasiliani.
La folle creatività del duo si nutre di questi linguaggi per dar vita a numerosi brani originali.
E’ qui che le diverse esperienze e i diversi luoghi si fondono, e si perdono le tracce di ciò che distingue una tarantella napoletana da una giga irlandese o una sirba rumena. E così, durante l’ ascolto, chiudendo gli occhi ci si ritrova ora in una taverna greca, ora in un pub,
in un villaggio della Transilvania come…nel cuore di Napoli.

Formazione
Riccardo Marconi: chitarra acustica
Osvaldo Costabile: violino e mandolino
Cristiano Della Monica: percussioni

 

 

sponsor-completo-home